Suonare con una tastiera USB: quale scegliere?

Attaccando una tastiera musicale USB al vostro pc potete suonare “realmente” gli strumenti VST che preferite. Potrebbe esserci un po’ di latenza (ritardo tra pressione del tasto e suono): questa dipende dalla velocità della scheda audio, dall’uso della CPU che fa il VST utilizzato e dalla potenza della vostro computer. Diciamo che su un computer recente di medie prestazioni la cosa è trascurabile con la maggior parte dei VST (dai 10 ai 20 millisecondi di ritardo).

Ci sono centinaia di “controller USB/MIDI” (così si chiamano queste tastiere “mute”). Se volete provare e spendere veramente poco (meno di 50 €) potreste provare con la Serie Nano di Korg (clicca qui per approfondire). Sono controller entry-level e, viste le dimensioni estremamente contenute, si possono portare comodamente nella borsa del pc portatile.

Nella serie Nano, oltre alla tastiera (NanoKEY2), ci sono anche il NanoKONTROL2 (utilissimo se volete utilizzare un sintetizzatore e gestirne il suono in tempo reale con manopole e slider) e NanoPAD2 (per batterie elettroniche o per far partire loop campionati).

Per utilizzare i controlli tipo quelli del NanoKONTROL2 accertati che lo strumento VST che hai scelto supporti la MIDI Automation (ovvero che i potenziometri che vedi a schermo possano essere pilotati da un controller esterno).

In una fascia di prezzo similare c’è la serie LP di Akai (vedi dettagli).

Salendo di prezzo si trovano controller sempre più potenti e professionali: tasti a misura standard, grande quantità di potenziometri e slider, controlli per pilotare software sequencer.

Per un utilizzo “medio” consiglio almeno 4 ottave e un po’ di manopoline per gestire virtualmente i VST che amate. I prezzi partono dai 100 / 150 € in su. Personalmente amo le M-AUDIO (clicca qui), ma ci tantissimi prodotti di marche differenti Roland, Behringer, CME etc. etc.